Muffe

Il rischio muffa sorge quando le temperature superficiali delle pareti sono più basse rispetto alla temperatura ambientale e per scongiurare il fenomeno “MUFFA” le stesse devono essere mantenute più elevate.

COME RISOLVIAMO IL PROBLEMA DELLA MUFFA E DELLA CONDENSA:

Grazie a strumentazioni adatte, verifichiamo e  monitoriamo la temperatura e l’umidità interna degli ambienti, oltre ad effettuare una verifica termografica per valutare la situazione delle dispersioni termiche della struttura a più rischio condensa in modo da conoscere bene la situazione degli ambienti per poter intervenire con un corretto sistema d’isolamento e/o ventilazione.

  • Controlliamo la stratigrafia della struttura
  • Facciamo una valutazione economica/preventivo indicando la tipologia d’intervento più adatta
  • Definiamo la tipologia d’intervento necessaria, attuando un ciclo di bonifica mirato in caso di alta, media o bassa presenza di muffe e applichiamo i materiali più performanti e adatti ai diversi casi
muffe-casa
Versione 2
Versione 2
IMG_2181

QUALI MATERIALI

Tra i vari materiali che utilizziamo  e suggeriamo per tali interventi in particolare nel rivestire  e  correggere un ponte termico o strutture con scarso isolamento, consigliamo:

  • pannelli in calcio silicato
  • sistemi di contro placcaggio con pannelli isolanti accoppiati al cartongesso,
  • sistemi a secco
  • sistemi nanotecnologici come rasanti e pitture termoriflettenti da utilizzare in situazioni “speciali” dove non si possa apportare grosse modifiche alla struttura ed aumentarne lo spessore.

Calcio silicato

I pannelli in silicato di calcio sono pannelli per l’isolamento termico a cappotto interno, isolanti ed igroregolatori con:

  • un elevato PH 10,5 ca. che non permette la formazione di muffe
  • una conduttività termica, valore Lambda, pari a 0,050 – 0,070 W/mK.
  • alta permeabilità al vapore acqueo circa µ 6 cioè molto aperto alla diffusione del vapore e si applica sempre e solo senza barriera vapore
  • prodotto naturale a base di calce aerea e silicato, privo di cemento quindi Ecocompatibile e riciclabile
  • ottima densità ca. 240/290 kg/m³.
  • Ignifugo quindi resistente al fuoco, privo di emissioni o fumi nocivi in caso di incendio
  • Risolve problemi interni inerenti a condense e muffe con eliminazione totale, con poco spessore di soli 3,0 cm, di tutti i ponti termici consentendo un notevole risparmio energetico.
  • Possiede elevate dosi di assorbimento acustico
  • Facilmente modellabile, può seguire forme e particolari architettonici, si può ritagliare e sagomare per passaggi o modifiche di impianti.
  • Durevole perché le caratteristiche del materiale rimangono inalterate nel tempo. (L’aspettativa di vita del silicato di calcio è paragonabile a quelle di altri materiali per edilizia, maggiore di 50 anni).
  • Aumenta la sensazione di confort dell’ambiente e permette di ridurre la ventilazione per eliminare i picchi di umidità.
  • Il materiale è leggero, presenta una certa stabilità di forma e può essere montato in maniera auto portante (quindi niente tasselli e niente struttura).
  • Il pannello può anche essere considerato come un intonaco molto traspirante con funzione risanante di pareti che devono asciugare.
  • Naturalmente anche la rasatura e finitura finale o meglio definita pittura murale deve essere di qualità simile perché è proprio una rasatura o pittura sbagliata che rovina l’intervento e la elevata qualità del materiale appena posato.

Pannelli accoppiati con cartongesso

Questi prodotti pronti per la posa in opera, prevedono il diretto incollaggio e/o fissaggio meccanico alla parete perimetrale; sono composti da una lastra di cartongesso accoppiata ad una lastra di materiale isolante di diversa natura:

Polistirene estruso o XPS che assicura un buon isolamento con valori di conducibilità termica pari a 0.034 W/mK , uno scarso assorbimento d’acqua, un’elevata resistenza alla compressione e costanza delle prestazioni nel tempo.

Poliuretano o meglio schiuma polyiso (poliuretano espanso) rigida a celle chiuse, espansa fra due supporti  gas impermeabili su entrambe le facce che fungono da barriera al vapore. I pannelli dichiarano valori di conducibilità termica pari a 0.023 W/mK , tra i più performanti.

In fase di posa i pannelli vengono sigillati superficialmente con nastri a rete di rinforzo e malte specifiche quindi, si procede alla tinteggiatura finale.

I vantaggi di questa tipologia d’intervento sono la velocità di esecuzione ed il minor costo rispetto ad altri sistemi per l’isolamento dell’interno ma, per una corretta posa, è sempre da tenere in considerazione l’aspetto di permeabilità del vapore e il suo assorbimento.

Prodotti Nanotecologici quando

Una piccola premessa su cosa sia la nanotecnologia:

è un ramo della scienza applicata e della tecnologia che si occupa del controllo della materia su scala dimensionale inferiore al nanometro, ovvero un miliardesimo di metro ed indica genericamente l’insieme di metodi e tecniche per la manipolazione della materia su scala atomo-molecolare, con l’obiettivo di realizzare prodotti  assolutamente innovativi e nel caso degli isolanti di ridurne lo spessore.

Tra i vari prodotti presenti sul mercato segnaliamo i pannelli in AEROGEL composti da Gel di silice amorfo con fibre rinforzate che in soli 10 mm di spessore offrono una conducibilità termica λ 0,013 W/(mk). Questi pannelli si possono utilizzare per l’isolamento a cappotto esterno ma anche interno dove non si può intervenire con gli spessori degli isolanti comuni. E’ un isolante flessibile nanoporoso in grado di eliminare le dispersioni termiche.

I pannelli isolanti, in gel di silice amorfo e fibre rinforzate, risultano più efficaci di altri materiali termoisolanti, in più, questi pannelli, oltre ad essere idrofobici (ideali per contenere il problema dell’umidità di risalita) sono anche traspiranti, offrendo una buona soluzione al problema della condensa in casa.

Non ultimi, utilizziamo rasanti e pitture, con applicata nanotecnologia,  qualitativamente superiori ed in grado di ridurre la conduttività termica e di riflettere le radiazioni termiche, garantendo risultati ideali a lunga durata.

Sistema costruttivo a secco

Il sistema costruttivo a secco  è costituito da pannelli prodotti in varie misure e spessori, composti da un “sandwich”, con anima in gesso trattata con resine speciali che  conferiscono robustezza, e da due superfici di cartone pressato. La sua principale caratteristica è quella di avere al contempo ottime proprietà termoisolanti e acustiche.  Il materiale e il sistema costruttivo permettono di realizzare in breve tempo rivestimenti, controsoffitti e pareti divisorie leggere ed isolanti dal punto di vista sia termico che acustico. La struttura portante dei pannelli divisori è in acciaio zincato e permette di inserire al suo interno gli impianti elettrici e idrici senza intaccare le murature  con demolizioni e scanalature. Le lastre di cartongesso o gessofibra, sono particolarmente indicate negli interventi di ristrutturazione in quanto consentono una soluzione pratica e veloce quando si ha la necessità di suddividere gli ambienti in più spazi ma soprattutto di isolare la struttura permettendo di rifare impianti con interventi meno invasivi ed economici ma non per questo meno validi.

Il sistema di coibentazione delle pareti perimetrali è realizzato sul lato interno attraverso la posa di contropareti.  Le pareti vengono isolate termicamente applicando al loro interno  un elemento isolante, generalmente, in lana minerale. La struttura è composta da profili metallici a “U” e a “C” che bisogna aver cura di mantenere distaccati dalla parete mediante l’applicazione di una membrana isolante adesiva che, applicata su tali profili, permette di migliorare l’eventuale ponte termico e limitare la trasmissione dei rumori.

Controlliamo sempre, mediante un’apposita verifica igrometrica,  l’eventuale formazione del fenomeno di condensa interstiziale, in modo da prevedere un’eventuale soluzione con strato di controllo alla diffusione del vapore.

Perchè usare le pareti in cartongesso?

– adattabilità a qualsiasi misura richiesta
– possibilità di modifiche anche in corso d’opera
– facile smontaggio
– ispezionabilità
– rapidità d’intervento, quindi minori costi
– naturalezza del materiale

Vuoi richiedere un preventivo GRATUITO? Compila il modulo!

Sono a conoscenza che i dati acquisiti con il presente modulo e-mail saranno trattati nel rispetto del D. Lgs. 196/2003 in materia di trattamento dei dati personali